Blog di Marco Castellani

Giorno: 16 Aprile 2007

Trovata acqua nell’atmosfera di un pianeta extrasolare!

Alcuni astronomi hanno riscontrato presenza di acqua nell’atmosfera di un pianeta esterno al sistema solare: è una scoperta che non ha precedenti…

La ricerca sarà pubblicata in uno dei prossimi numeri della rivista “Astrophysical Journal”. La scoperta può avere importanti ripercussioni sulla ricerca di pianeti adatti ad ospitare forme di vita, e in ogni caso rinforza alcune teorie secondo le quali vapore acqueo sarebbe presente nell’atmosfera di quasi tutti i pianeti extrasolari scoperti finora.

HD209458b – questo il “familiare” nome del pianeta – è già noto agli astronomi, essendo stato il primo pianeta attorno ad una stella “esterna”, rilevato direttamente, e anche il primo pianeta nel quale si sia riscontrata presenza di ossigeno e carbonio nella sua atmosfera…



La notizia su Space.com


 249 letture su Stardust

M3, l’ammasso globulare “incostante”…

GLi ammassi globulari sembrano sempre uguali, perchè le immagini acquisite con i telescopi li mostrano, ovviamente, come “congelati” nel tempo. In realtà, invece, le stelle che fanno parte dell’ammasso, oltre a muoversi in esso, presentano frequenti variazioni di luminosità, cos’ che l’ammasso stesso “brilluccica”, si può dire…

Per quanto il tempo che impiega una stella a traversare tutto l’ammasso in cui si trova, sia piuttosto lungo (dell’ordine di centomila anni), dunque difficilmente osservabile, così non è per le variazioni di luminosità superficiale, per nostra fortuna. Queste presentano un periodo tipicamente di qualche ora, e dunque nell’arco di una notte la loro variazione di brillanza si ripete diverse volte.




L’ammasso globulare M3

Credits: J. Hartman & (Harvard CfA) & K. Stanek (Ohio State U.)

Nella foto (presentata da APOD nella giornata di ieri) dell’ammasso globulare M3, in realtà un’animazione composta da diverse immagini acquisite nell’arco di una notte, si possono agevolmente individuare le stelle che “brillucicano”: principalmente sono variabili di tipo RR Lyraae, presenti a decine (o centinaia anche) in molti ammassi globulari. Sono assai importanti per gli astronomi, dato che dalla misura del loro periodo di variazione di luminosità, si può risalire alla loro luminosità intrinseca: questo ad esempio permette, dal confronto con la luminosità apparente, di determinare la loro distanza, con una precisione impossibile con altre tecniche…



http://antwrp.gsfc.nasa.gov/apod/ap070415.html

 279 letture su Stardust

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén