Blog di Marco Castellani

Giorno: 21 Giugno 2007

Microracconti #1: Laura


Transe mutation
Inserito originariamente da mmarsupilami

Laura.

Passeggiavamo nel viale alberato. Lei non piangeva più, anche se il suo volto era ancora segnato dalle righe sottili delle lacrime versate.

“Non è vero, non è più così. Lo sai. Ora, lo sai” Disse Laura.
Non risposi. Assorbivo l’aria, le sensazioni. Il suono dei miei passi. Aspettavo di appoggiarmi su un terreno più semplice, ricercavo un piano di stabilità interiore più definito.

Erano ancora raggi serpeggianti di tensione sul suo viso, ad apparire. Velocemente poi si diravadano. Osservavo, preferivo aspettare.

Non so. Non so dirti, Laura. Lo dissi o lo pensai, non ricordo. Lo sentivo.

“E’ una cosa passata. Lo sai.”, disse lei di nuovo.

C’era una barriera che non cadeva, un qualcosa che non si schiudeva. Camminavamo, in silenzio. Non ero preoccupato: c’era solo da attendere. Non si poteva forzare, non si poteva forzare nulla.

Le cose grandi e le cose piccole si mischiavano. I moti dell’animo erano importanti, come gli alberi maestosi sotto i quali camminavamo. Il microcosmo delle sensazioni variava in alta frequenza ad ogni nostro passo.

Lei fece il passo più coraggioso. E la situazione si appoggiò nel suo punto di stabilità, nello stesso istante. Si fermò, appoggiò il viso sul mio petto. Respiravo il profumo dei suoi capelli biondi.

“Il resto non conta nulla. Io ti voglio bene. Io ti amo”, mi disse guardandomi.

Niente, nessuno, era più femminile di Laura, in quel momento. In quel brevissimo fondamentale momento, nel lungo viale alberato.

E io ero a casa. Finalmente.

/ 5
Grazie per aver votato!

 199 letture su Stardust

Le nubi di Titano…

Una nuova immagine di Titano acquisita da Cassini mostra dettagli sulle nubi di metano di questa luna di Saturno…

Ecco un’altra fotografia della luna di Saturno chiamata Titano, catturata dalla sonda Cassini della NASA il 13 maggio di quest’anno, quando la sonda si trovava ad una distanza di poco più di centomila chilometri.


La cosa interessante è che dall’immagine, nella parte più bassa, si riconosce uno strato brillante di nubi, originato dalla circolazione dell’atmosfera ricca di metano propria di Titano.

Credits: NASA/JPL/SSI



NASA/JPL Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 248 letture su Stardust

Immagini Hubble di Cerere e Vesta aiutano a preparare la missione della sonda Dawn…

Vesta e Ceres sono due tra i corpi più grandi nella fascia degli asteroidi, una regione tra Marte e Giove. Le immagini che ha acquisito Hubble saranno assai utili per gli astronomi che stanno lavorando sulla futura missione Dawn.

Per la precisione, le immagini di Hubble aiuteranno gli astronomi a pianificare i dettagli della missione della sonda Dawn, che dovrà effettuare un “tour” tra questi “grossi sassi”. La NASA ha in programma infatti per il 7 del mese prossimo, il lancio dalla sonda, per un viaggio di quattro anni proprio verso la fascia degli asteroidi.




Le immagini degli asteroidi Vesta e Cerere

Credits: NASA/ESA

Una volta arrivata sul posto, Dawn effettuerà qualche “saltello” tra un asteroide e l’altro, ponendosi in orbita intorno a Vesta nel 2011 ed intorno a Cerere nel 2015. La sonda Dawn sarà la prima ad orbitare intorno a questi due corpi celesti. La fascia principale degli asterodi riveste un notevole interesse, poichè è popolata da almeno centomila asteroidi, una sorta di “riserva” di materiale residuo rimasto dalla formazione dei pianeti del nostro Sistema Solare, avvenuta circa 4,6 miliardi di anni fa…



Hubblesite Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 206 letture su Stardust,  4 oggi

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén