Blog di Marco Castellani

Mese: Luglio 2007 Page 1 of 4

Piccola fragilità


Barca dende Abaxo
Inserito originariamente da chamicu

La mia piccola fragilità
che diventa una barca

e tu più non fuggi
ma sali ed insieme

partiamo

/ 5
Grazie per aver votato!

 815 letture su Stardust

Una strana “famiglia stellare”: un pianeta con quattro genitori…

Quante stelle ci vogliono per “far crescere” un pianeta? Nel nostro Sistema Solare, chiaramente ne basta una – il nostro Sole.
Nuove ricerche della sonda Spitzer però indicano che non è sempre così, anzi a volte i pianeti possono formarsi in un sistema
con ben quattro stelle!

Gli astronomi si sono giovati della visione “infrarossa” di Spitzer per studiare un disco in rotazione attorno ad una coppia
di stelle nel sistema quadruplo chiamato HD98800. Tali dischi di gas e polveri sono ritenuti determinanti per la formazione
dei pianeti. La cosa interessante è che la materia del disco, invece di presentarsi omogenea, mostra dei “buchi” che potrebbero
essere dovuti ad una interazione gravitazionale tra le quattro stelle del sistema. Un’altra spiegazione potrebbe anche
ricercarsi nel fatto che i pianeti in realtà sono già in fase di formazione, e nel corso della loro orbita, potremmo dire,
si “scavano” delle corsie entro il materiale del disco…




Una rappresentazione “artistica” del sistema HD98800

Credits: NASA/JPL-Caltech/T. Pyle (SSC-Caltech)

“I pianeti agiscono come aspirapolveri cosmici. Puliscono tutto lo “sporco” che trovano sul loro cammino intorno alla stella
centrale”,
spiega Elise Furlan, dell’Istituto di Astrobiologia della NASA presso l’Università della California, tra gli
autori di un lavoro accettato per la pubblicazione su “The Astrophysical Journal”.

HD98800 ha un’età approssimativa di 10 milionidi anni, e si trova a 15 anni luce da noi, nella costellazione TW Hydrae.



Spitzer Press Release



“I quattro soli di HD98800”
, APOD 30 luglio 2007

/ 5
Grazie per aver votato!

 447 letture su Stardust

Il batterista dei Queen avrà il dottorato in astronomia

Davvero non è mai troppo tardi per completare gli studi di astrofisica! Brian May, il “leggendario” chitarrista dei Queen, potrebbe confermarlo…

Difatti, dopo aver interrotto per 35 anni il suo iter di studio, in corrispondenza del sempre maggior successo dei Queen, il gruppo rock in cui Brian ricopre il ruolo di chitarrista, è ormai in procinto di discutere la tesi di dottorato in astrofisica “Radial Velocities in the Zodiacal Dust Cloud”. Da quanto si legge sui comunicati stampa, in questi anni comunque il suo interesse per l’astrofisica non è scemato, come testimonia ad esempio il fatto di essere coautore del libro “Bang! The Complete History of the Universe”, che è stato dato alle stampe l’anno scorso. Certo, quel che possiamo dire in questo caso, è che sarà certamente il dottorato più “benestante” che si possa trovare…


Yahoo! News



Slashdot Science

/ 5
Grazie per aver votato!

 214 letture su Stardust

Costi e benefici delle missioni su Marte…

Alla NASA tornano ad essere valutati progetti e proposte per una prossima missione sul pianeta Marte. Tuttavia, essendo i costi stimati dell’ordine di diversi miliardi di dollari, la cosa non è sensa controversie…

Il programma per una missione verso Marte è stato un argomento forte della Settima Conferenza Internazionale su Marte, che si è tenuta in america dal 9 al 13 luglio, persso il California Institute of Technology. Il meeting ha radunato insieme circa 500 tra i massimi esperti del pianeta rosso, per discutere l’importanza e la fattibilità di progetti correnti e futuri. Secondo quanto emerge circa gli orientamenti generali degli esperti, le cose vanno valutate con molta attenzione, perchè sebbene alti esponenti della NASA siano favorevoli ad una missione, il suo costo stimato è così alto che comunque non ne potrebbe essere condotta che una, per un arco di parecchi anni…


La notizia su Usatoday
(in inglese)

/ 5
Grazie per aver votato!

 204 letture su Stardust,  2 oggi

XXI Century Challenges for Stellar Evolution

Altra mattinata passata tra mail e telefono, a fare le ultime correzioni. Ma finalmente sembra che abbiamo finito di preparare il programma, la lista degli speackers, l’elenco dei poster, il sito web, le iscrizioni: gioie e dolori dell’essere nel comitato organizzatore, che vuoi fà..

Beh ora mi rimane da preparare il MIO, di poster, in realtà. Poi tra un mesetto si va (e da quanto vedo su internet, il posto è bello assai !!)

……L’astronomia come mestiere, ha anche degli aspetti simpatici, no? 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

 202 letture su Stardust

Messenger saluta il pianeta Venere…

Nei primi giorni del mese scorso, la sonda Messenger ha completato il suo secondo
ed ultimo “incontro ravvicinato” con Venere. Allontanandosi dal pianeta, Messenger
non ha trascurato però di documentare l’evento con una serie di immagini, visibili ora in un montaggio a filmino…

…Il film si potrebbe chiamare, con una facile battuta, “Arrivederci Venere”! A parte gli scherzi,
i fatti sono che la Wide Angle Camera ha catturato una sequenza di 50 immagini, dopo l’incontro
ravvicinato di Messenger con il pianeta Venere, del 5 giugno scorso. La sequenza di immagini parte
da una distanza della sonda dal pianeta di circa 37.000 chilometri, e termina quando la distanza
tra Messenger ed il pianeta è arrivata quasi a 90.000 chilometri. In un primo momento, veniva acquisita
una immagine ogni 20 minuti, poi Messenger ha allungato l’intervallo temporale ad una immagine ogni ora.




Allontanandosi dal pianeta Venere…

Credits: MESSENGER website

Le immagini rappresentano certamente l’addio di Mercury al pianeta Venere, ma nello stesso tempo
“guardano” ormai al prossimo incontro importante della sonda, quello con Mercurio (obiettivo
principale delle missione), atteso per gennaio del prossimo
anno…

Il film si può vedere direttamente dal sito della missione: essendo di 3MB,
è consigliabile, potendo, usufruire di una connessione “veloce”, per avere uno scorrimento ottimale delle immagini.



MESSENGER Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 203 letture su Stardust

Open Source at Microsoft…

Mi pare un buon segnale il fatto che Microsoft apra un sito dedicato all’Open Source, dopotutto…. che i due mondi non siano a compartimenti stagni ma vi possano essere interazioni e “contaminazioni”, in un senso e nell’altro, a me sembra una cosa conveniente per gli utenti, che è quello che importa davvero, in fondo.

Open Source at Microsoft:

When the Open Source Software Lab at Microsoft reached out to Mozilla last summer, the lab offered support in getting Firefox and Thunderbird running on Windows Vista. A year later, the relationship with Mozilla has resulted in a number of beneficial changes at both firms, including a new Windows Media Player Plugin for the open source browser…

/ 5
Grazie per aver votato!

 437 letture su Stardust,  2 oggi

Chandra investiga i Nuclei Galattici Attivi nelle galassie lontane

I dati della sonda Chandra mostrano, per la prima volta, che le galassie più distanti contengono più AGN di quelle più vecchie e vicine…

I due ammassi di galassie, conosciuti con le sigle CL 0542-4100 e CL 0848.6+4453, sono parte di un campione sfruttato per valutare la frazione di galassie contenenti al loro interno buchi neri in rapido accrescimento, conosciuti anche con il nome di nuclei galattici attici (o AGN, dalla terminologia inglese).

Nell’immagine Chandra di questi due ammassi, il rosso corrisponde a raggi X di bassa energia, il verde di energia intermedia, il blu indica i raggi X più energetici. In ognuno dei due campi, sono stati individuati ben cinque AGN (anche se uno di questi pare non sia membro dell’ammasso). Gran parte degli AGN sono sorgenti blu, come atteso, poiché è noto che tali oggetti sono capaci di produrre raggi X molto energetici.

La cosa interessante è che i dati mostrano, per la prima volta, che gli ammassi più distanti contengono assai più AGN rispetto a quelli più
vicini a noi (e più antichi). Difatti, i quattro ammassi di galassie nel campione “lontano”, inclusi i due mostrati in figura, sono istantanee
di quando l’Universo aveva poco più dell’ottanta per cento dell’età attuale: è stato valutato che gli ammassi più lontani contengono circa 20 volte più AGN rispetto a quelli meno distanti..

La ragione di questa differenza è radicata nella storia dell’Universo stesso: diversi miliardi di anni fa, le galassie contenevano assai più gas e polveri per la formazione stellare, e i buchi neri potevano “crescere” in maniera decisamente più rilevante di quanto accadeva in epoche più recenti, essenzialmente a motivo della grande quantità di “combustibile” presente.

La cosa è pienamente in accordo con il quadro teorico di evoluzione dell’Universo, come lo conosciamo ora, ed è comunque una rilevante conferma “sperimentale” delle previsioni della teoria.

Chandra Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 185 letture su Stardust

Page 1 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén