Pian piano la scoperta “eclatante” della presenza di acqua allo stato liquido, sul suolo lunare, rientra nelle sue vere dimensioni e purtroppo, diremmo, riduce alquanto la sua iniziale eccezionalità: è vero che l’acqua è stata trovata, ma la quantità relativa appare davvero esigua: ai fatti, la luna appare ancora più arida del più arido deserto terrestre.

moonwater_isro

Una regione mappata in infrarosso e – in falsi colori – le zone di abbondanza relativamente alta di acqua. Tutto sta, ora, nella valutazione di questo “relativamente”…

Crediti: ISRO/NASA/JPL-Caltech/USGS/Brown U.

Una piena interpretazione dei segnali di acqua rilevati dalle diverse sonde, è ancora allo stato di studio: alcuni scenari ipotizzati, vogliono la presenza di acqua ridursi addirittura a strati sottilissimi, forse della larghezza di alcune molecole appena. E’ il caso dell’ipotesi che si basa sull’interazione tra l’idrogeno proveniente dal Sole con l’ossigeno nel suolo lunare. Ma è solo una delle possibili interpretazioni dei dati, ancora sotto attento studio.

Comunque, come già accennato, sono attese novità a breve: la settimana prossima il satellite LCROSS rilascerà una parte destinata ad impattarsi sul suolo lunare nei pressi del suo polo sud. L’impatto verrà accuratamente monitorato per osservare se e in che quantità farà fuoriuscire acqua o ghiaccio dagli strati superficiali stessi. Dunque, tra breve dovremmo saperne di più sulla questione (forse un pò troppo enfatizzata) dell’acqua sulla luna …stay tuned!

APOD del 28.9.09

 140 letture su Stardust