Blog di Marco Castellani

Giorno: 27 Ottobre 2009

Astri e particelle, la mostra a Roma

E’ stata presentata ieri con una conferenza stampa presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma la mostra “Astri e Particelle  – Le Parole dell’Universo”, che rimarrà aperta al pubblico da domani fino al 14 febbraio 2010.

Alla conferenza, cui hanno assistito parecchi giornalisti, sono intervenuti Mario De Simoni, Direttore generale dell’Azienda Speciale Palaexpo, Tommaso Maccacaro, Presidente INAF, Enrico Saggese, Presidente ASI, Roberto Petronzio, Presidente INFN, Roberto Battiston, Direttore scientifico della mostra e Umberto Croppi, Assessore alle Politiche Culturali e Comunicazione del Comune di Roma.

La mostra “Astri e Particelle” è stata realizzata dall’INFN,  INAF e ASI. E’ senz’altro una ottima occasione per “mettere il naso” nella ricerca e soprattutto nell’affascinante punto di contatto tra l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo, che trovano una convergenza soprendente nella ricerca attuale.

La mostra si accompagna a un ricco calendario di eventi, incontri, cinema, musica e teatro dedicati all’Universo.  Un vero e proprio festival di spazio che trasforma il Palazzo delle Esposizioni in una piattaforma spaziale con tanto di caffè scientifici, visite spettacolo e una rassegna cinematografica sui grandi classici  della fantascienza.

 Dal comunicato stampa di INAF e ASI

/ 5
Grazie per aver votato!

 198 letture su Stardust,  4 oggi

Sulla presentazione delle nuove features di Ubuntu 9.10

via ubuntu.com

D’accordo: come molti altri, sto aspettando con impazienza di poter aggiornare la mia Ubuntu box con l’uscita della release 9.10.

Ubuntu è certamente una grande distribuzione, su questo non ci son dubbi: se non altro per il grande seguito e la poderosa community che le fornisce un valore aggiunto niente affatto trascurabile.

In ogni caso, se dovessi proprio proprio muovere una critica alla pagina web che ospita gli screenshot con la presentazione delle nuove caratteristiche del sistema… beh, potrebbe essere la seguente: avete per caso realizzato come praticamente il 90% delle nuove features presentate non sono, di fatto, specifiche di Ubuntu, ma assolutamente comuni, ormai, a tutte le distribuzioni linux moderne?

Intendo dire, la pagina lista con una certa evidenza la possibilità di mandare Email e chattare (programmi Empathy e Evolution), navigare su Internet (l’immancabile – e con ragione – Firefox: ma immaginate una distribuzione linux senza?), gestire le foto (con F-Spot, comune a tutti gli ambienti Gnome)…

E’ chiaro, lo scopo della pagine è anche quello di introdurre Ubuntu, come possibile sistema operativo, alle persone che non sono geek o esperti di linux. In ogni caso, perchè mai non mettere più in evidenza le specifiche caratteristiche di Ubuntu (e ci sono, senza dubbio)?

/ 5
Grazie per aver votato!

 222 letture su Stardust,  2 oggi

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén