Blog di Marco Castellani

Giorno: 5 Marzo 2010

Puoi sentire la musica…?

“Riesci a sentire la musica? Bene, forse non ancora, ma Ubuntu Music Store è ormai dietro l’angolo”

Così recita la sezione della più recente Ubuntu Weekly NewsLetter  dedicata alla succulenta novità attesa per aprile, che aggiunge anche “riteniamo di aver costruito un negozio di musica di cui tutti  potranno godere dal lancio di Ubuntu 10.04, e sarà destinato ad evolvere in futuro” specificando anche che al momento il negozio di musica è in fase di test da un ristretto (e fortunato) gruppo di utenti.

Maggiori notizie sull’Ubuntu One Music Store si possono trovare nella apposita sezione FAQ del wiki. Viene confermato quello che gli appassionati ormai sanno già, ovvero che il servizio si appoggerà sul sito 7digital, percè “ha la più grande selezione di musica disponibile senza digital rights management (DRM) per la maggior parte di regioni nel mondo” (immagino questo vuol dire che supera anche il negozio online di iTunes, onestamente non l’avrei detto).



La prossima Ubuntu 10.4 si porta con se anche un nuovo stile grafico: ecco il nuovo logo…


Il negozio sarà accessibile naturalmente all’interno del player di default, Rhythmbox, a realizzare una sorta di parallelo open source del celebre iTunes player di Apple. Mi sembra una prospettiva molto interessante, che credo contribuirà non poco a diffondere ulteriormente l’utilizzo di linux. 
La gente (o perlomeno chi scrive in questo blog…) vuole non solo esaltarsi al pensiero di usare software open source, ma desidera poter reperire ed ascoltare la musica preferita in maniera semplice e diretta. iTunes è l’esempio naturale che si fa in questi casi, per il mondo Mac OS e Windows. Ora  arriva finalmente qualcosa del genere (anche se di strada certamente ne dovrà fare…) per il mondo linux, e penso che – con l’uso di linux allargato ad un più ampio pubblico (oltre i “fanatici”, a me assai simpatici, ma numericamente minoritari) – davvero fosse una cosa di cui si sentiva mancanza. Ben vengano gli accordi commerciali di Ubuntu, a mio avviso, se tutto ciò contribuirà a rendere più appetibile l’alternativa linux.

Certo, forse qualcuno si meraviglierà che il negozio “ufficiale” di Ubuntu non distribuirà musica nel formato multimediale libero ogg, ma nel più diffuso formato mp3. Ma forse questo anche deriva da un pragmatica presa d’atto dello “stato delle cose” (nonchè della disponibilità del magazzino di 7digital, ovviamente…)

/ 5
Grazie per aver votato!

 208 letture su Stardust,  2 oggi

Da una stellina primitiva alla teoria delle galassie…

Gli astronomi hanno appena scoperto quello che si può definire come un “fossile”, proveniente dalle profondità del tempo:  un segno di quando l’Universo era ancora molto molto giovane. Il peculiare oggetto è una stella, che potrebbe essere stata di seconda geenrazione, formatasi dunque non molto più avanti dello stesso Big Bang, la “grande esplosione” che ha dato origine all’Universo e a tutto ciò che esso contiene.

Posizionata nella galassia nana Sculptor (appartentente al Gruppo Locale), a quasi trecentomila anni luce di distanza da noi, la stella presenta dei rapporti di abbondanze chimiche soprendentemente simili a quelle riscontrate nelle stelle più anziane della nostra stessa Galassia. La sua presenza e le sue peculiari caratteristiche, suggeriscono come la Via Lattea abbia attraversato nella sua storia una fase di acuto “cannibalismo”, crescendo ed allargandosi a spese (possiamo ben dirlo) di una miriade di piccole galassiette, che sono state pian piano inglobate nella struttura in formazione, esattamente come dei “mattoni da costruzione” per la Galassia.

“Questa stella con ogni probabilità è quasi antica quanto l’Universo stesso” ha detto Anna Frebel dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, prima firmataria dell’articolo sulla prestigiosa rivista Nature, dove si descrive la scoperta.

Le galassie nane sono piccole galassie con “appena” pochi milioni di stelle – davvero poco se confrontate con le centinaia di miliardi presenti nella Via Lattea! Nello scenario cosmologico noto come “bottom-up” (dal piccolo al grande, potremmo tradurre) le galassie più grandi si formano  infatti lungo un arco temporale di milardi di anni, “assorbendo” ed inglobando un buon numero di queste piccole ma diffusissime galassie (le galassie nane sono di gran lunga le più diffuse nell’intero Universo).

E’ interessante notare che, se le galassie nane sono davvero i mattoni con i quali si construiscono le galassie più grandi, allora lo stesso tipo di stelle si dovrebbe poter trovare in entrambi i tipi di galassie. Questo dovrebbe essere ancor più vero nel caso di stelle antiche, povere di “metalli”: proprio quelle che meno avrebbero avuto modo di risentire dell’ambiente circostante, proprio quelle che potrebbero ben “tradire” la loro comune origine.

Le stelle più  vecchie nella nostra Galassia possono essere veramente “povere di metalli”, con abbondanze di elementi pesanti – appunto chiamati impropriamente “metalli” in astronomia – anche centomila volte più basse che nel Sole (che è una tipica stella più giovane, e ricca di metalli). Finora anche le più attente indagini non erano però state in grado di individuare stelle dello stesso tipo nelle galassie nane. Mancava dunque un riscontro osservativo chiaro per la stessa teoria della formazione della nostra Via Lattea.

Una piccola stellina, ma così importante…!
Crediti:
David A. Aguilar (CfA)

La ricerca attuale dunque è importante perché finalmente rimuove anche l’ultimo ostacolo per la conferma dello scenario teorico. La stella trovata in Sculptor, chiamata S10220549 (certo non molto facile da ricordare, come nome…) risulta da misure spettroscopiche davvero povera di metalli: per la precisione, ben seimila volte più povera del nostro Sole! Una così bassa abbondanza di elementi pesanti, risulta cinque volte inferiore alla stella più “povera” finora trovata nelle galassie nane.

Dunque la semplice scoperta di questa stellina, ci rende assai più confidenti che lo scenario di formazione delle galassie che conosciamo, sia quello giusto: la Via Lattea con ogni probabilità, è nata esattamente così: inglobando pian piano una miriade di piccole galassie che le giravano intorno (e ancora continua a farlo, ad esempio con Sagittario. Il lupo, si sa, perde il pelo ma non il vizio! Ma questa è un’altra storia…)

Harward Smithsonian CfA Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 228 letture su Stardust,  4 oggi

Già disponibili i nuovi temi di Ubuntu 10.4

Facendo seguito al precedente post, in cui si parlava del “rebranding” di Ubuntu, previsto per la prossima versione 10.4 (ormai manca poco, tra l’altro…) e delle conseguenti nuove combinazioni di colori elette a default per il desktop, mi pare interessante segnalare – cortesia di webupd8.org, sito molto attento all’universo Ubuntu – la immediata disponibilità dei nuovi temi, che si possono istallare sulle attuali versioni di Ubuntu (per Lucid la procedura è semplice e veloce, per Karmic bisogna fare qualche passo in più, ma la cosa sembra relativamente semplice).
Insomma, per chi si sente di abbandonare il classico marroncino per lanciarsi nell’esplorazione delle sofisticate sfumature viola, ora la strada è aperta… 🙂
/ 5
Grazie per aver votato!

 272 letture su Stardust,  2 oggi

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén