Blog di Marco Castellani

Mese: Aprile 2010 Page 1 of 3

Un’immensa protuberanza solare

La sonda STEREO ha catturato questa spettacolare protuberanza solare nell’estremo ultravioletto sulla superficie solare tra il 12 e il 13 aprile 2010. E’ una tra le protuberanze tra le più immense mai viste e riprese da STEREO o dalla missione SOHO e che raggiunge circa 70 milioni di chilometri di altezza.

Le protuberanze solari sono addensamenti di idrogeno che talvolta si innalzano rapidissimi nello spazio, curvandosi secondo le linee di forza dei campi magnetici, simili a colossali fontane. La loro densità è circa 100 volte quella della corona nella quale si muovono, mentre la temperatura è 100 volte inferiore. Già notate con meraviglia dagli antichi durante le eclissi totali di Sole, si è potuto studiarle nei minimi dettagli a partire dalla seconda metà dell’Ottocento grazie a strumenti e filtri speciali, che permettono di isolare una finestra strettissima dello spettro elettromagnetico alla lunghezza d’onda di 6563 Angstrom, nella quale l’idrogeno emette protuberanze eccezionali e che hanno assunto dimensioni comparabili al diametro solare. Quando non si levano dal bordo ma si proiettano sul disco, le protuberanze assumono l’aspetto e il nome di “filamenti”.

Fonte NASA: http://www.nasa.gov/mission_pages/stereo/multimedia/Huge-Eruptive-Prominence.html .  A questo link è possibile scaricare o vedere il video della NASA.

/ 5
Grazie per aver votato!

 220 letture su Stardust,  2 oggi

Occhi aggiuntivi per le pulsar!

Un team internazionale di astronomi ha appena stabilito un nuovo record mondiale nella “copertura” in lunghezza d’onda, nell’osservazione delle peculiari sorgenti radio chiamate pulsar. Per tale impresa è stato utilizzato il nuovissimo telescopio europeo LOFAR, in combinazione con due dei più grandi radio telescopi nel mondo, il telescopio Effelsberg in Germania e il Lovell, nel Regno Unito.

Questa unica combinazione di così potenti radiotelescopi ha permesso di osservare simultaneamente l’emissione in banda radio da sei differenti pulsar, in un intervallo di lunghezze d’onda che va da 3,5 cm a 7 metri – una differenza di un fattore 200 (!).

La combinazione di dati da diversi radiotelescopi ci farà capire come brillano le pulsar (Crediti: ASTRON website)

Queste differenti lunghezze d’onda sono l’equivalente delle differenti lunghezze d’onda  percepite dall’occhio umano nel caso della luce visibile, e ci restituiscono una “vista” senza precedenti di come brillano le radio pulsar.

Con ogni singolo telescopio, una pulsar può essere osservata solo in un intervallo di lunghezze d’onda piuttosto ristretto, ad ogni dato tempo. Ma combinando tutti questi strumenti, gli astronomi sono riusciti per la prima volta ad osservare questo set di sei pulsar, ognuna simultaneamente in un intervallo di quasi otto “ottave”.

Obiettivo primario dello studio è capire come “pulsa una pulsar”. Ma c’è di più, molto di più da imparare, perché i dati forniranno preziose informazioni anche sul gas interstellare che si trova tra noi e le pulsar.

ASTRON Press Release

/ 5
Grazie per aver votato!

 214 letture su Stardust,  2 oggi

Anche Google celebra i 20 anni di Hubble

Un veloce aggiornamento all’articolo precedente che si occupava del ventennale di attività del Telescopio Spaziale Hubble. Ebbene, era mai possibile che la ricorrenza potesse sfuggire al gigante dei motori di ricerca, il celeberrimo Google? Ecco infatti come salutava i visitatori della sua pagina nella giornata di oggi (la schermata l’ho acquisita oggi pomeriggio, ora sembra già tornata alla struttura “classica”)

Anche Google festeggia Hubble (Crediti: Google)

Al di là della simpatia dell’operazione, forse questo fa anche riflettere sul fatto che vi sono alcuni “grandi strumenti” – e Hubble è senz’altro uno di questi – che non solo hanno fatto (e stanno facendo) la storia della moderna astronomia, ma hanno anche un impatto assai deciso e chiaro in una cerchia ben più allargata dei normali “addetti ai lavori”.

Hubble fa ormai parte del patrimonio comune di chiunque sia curioso di cose c’è sopra la sua testa.. e questo è un grandissimo risultato, non meno importante della enorme quantità di dati scientifici che ha portato a terra in questi venti anni. Gli dobbiamo veramente tanto, della nostra moderna conoscenza del cielo.

Ancora complimenti, Hubble!! 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

 241 letture su Stardust,  2 oggi

Hubble, vent’anni sulla breccia…

È da 20 anni sulla cresta dell’onda e non accenna a tramontare. Anzi, al giro di boa del suo ventesimo compleanno (è stato lanciato esattamente il 24 aprile del 1990 a bordo dello Shuttle Discovery), l’Hubble Space Telescope è in forma più smagliante che mai. Pochi strumenti scientifici possono uguagliare una carriera così lunga, brillante e allo stesso tempo accidentata. Più volte sul punto di abbandonare il campo da gioco e ogni volta incredibilmente capace di tornare all’attacco e segnare in rete. Hubble ha fatto sognare. È per questo il più celebre e il più amato dei telescopi.

Colonne di gas e polvere, alte 3 anni luce, nella Nebulosa della Carena. Immagine scattata da Hubble. Crediti: NASA, ESA

L’Istituto Nazionale di Astrofisica celebra i primi vent’anni del Telescopio Spaziale Hubble dedicandogli un servizio speciale  con uno slideshow che raccoglie le immagini più belle e un servizio radiofonico che ne ripercorre la storia. Inoltre, in un video esclusivo i racconti degli astronauti che per l’ultima volta hanno fatto visita al telescopio.

Curioso oggi ripensare che quando è stato progettato quasi nessuno all’interno della comunità scientifica era favorevole a uno strumento così ambizioso e costoso, che avrebbe rischiato di catalizzare enormi quantità di denaro penalizzando le ricerche “a portata di mano” con i telescopi a Terra. Per chi, al contrario, aveva creduto nelle capacità senza precedenti di un telescopio spaziale ottico –  in grado per la prima volta di ammirare l’Universo oltre le nuvole, oltre la cortina di fumo dell’atmosfera –  fu pesantissima la batosta di accorgersi, una volta in orbita, che Hubble era nato difettoso: il suo specchio principale rifletteva immagini sfocate. Eppure, anche da quell’imprevisto scaturì del buono. Il sistema di primo soccorso per correggere le immagini, prima che il danno venisse aggiustato attraverso lenti correttive, fu un software di manipolazione digitale delle immagini che oggi trova comunemente impiego negli screening mammografici del tumore al seno.

/ 5
Grazie per aver votato!

 300 letture su Stardust,  2 oggi

Un pianeta davvero buffo, per Spitzer…

Il telescopio spaziale Spitzer  ci riporta la scoperta di una interessante peculiarità che riguarda un pianeta distante – in pratica, manca il metano, un ingradiente fondamentale a molti pianeti del nostro Sistema Solare e comunissimo in gran parte dei corpi celesti.

Il pianeta Gliese 436 b (Credits: Spitzer website)

Lo studio appare oggi sulla prestigiosa rivista Nature: in esso gli scienziati (assai onestamente) non nascondono come le recenti scoperte siano per loro motivo di perplessità. Dalle loro parole si percepisce bene tale imbarazzo: “I modelli ci dicono che il carbonio in questo pianeta dovrebbe trovarsi in forma di metano. I teorici avranno il loro bel daffare per riuscire a spiegare la sua assenza”.

/ 5
Grazie per aver votato!

 325 letture su Stardust,  4 oggi

Al via GruppoLocale e SegnaleRumore Daily News!

Rimaniamo ancora in ambito web con questo post, stretto parente di quello inviato ieri su GruppoLocale.it riguardante l’omonimo account Twitter.  Oltre alla lista appena inaugurata @gruppolocale/astronomia, grazie ai servizi del sito http://paper.li ora disponiamo anche di un simpatico “quotidiano astronomico”, raggiungibile all’indirizzo http://paper.li/gruppolocale.

L’edizione appena uscita, disponibile su http://paper.li/gruppolocale

Sulla stessa lunghezza d’onda, mi sono dato un pò da fare per creare un analogo giornale che spaziasse sugli argomenti trattati da SegnaleRumore.it. Per l’occasione, ho innanzitutto dato una rispolverata al relativo account Twitter, aggiungendo una lista chiamata linux (lo so che ce ne stanno a iosa, ma ne volevo una configurabile secondo i miei gusti… sperando non siano solo i miei!); dopodichè sono passato per paper.it ancora una volta, per creare il SegnaleRumore Daily News.

Per gli interessati, dirò che il sistema è semplicissimo da configurare; in pratica basta autorizzare il sito ad accedere al proprio account Twitter, poi ci pensa lui ad estrarre le “notizie” che acquisisce dalla timeline propria e di quella delle persone che si seguono. L’effetto non è malvagio, a mio avviso… Comunque, giudicate voi!

Una sezione del primo numero di SegnaleRumore Daily News
acchiappatelo prima che diventi materia per collezionisti ! 😉

Tenete presente che – come ogni quotidiano che si rispetti – si ha una sola edizione ogni 24 ore. L’unica differenza è che – almeno per ora – non li potete trovare in edicola … 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

 202 letture su Stardust,  2 oggi

Il tuo quotidiano di astronomia!

Ci perdonino i meno avvezzi alle nuove forme di comunicazione, perché estiamo ancora in ambito web con questo post, stretto parente di quello inviato ieri riguardante il nostro account Twitter gruppolocale, gemello di questo sito.  Oltre alla lista appena inaugurata @gruppolocale/astronomia, grazie ai servizi del sito http://paper.li ora disponiamo anche di un simpatico “quotidiano astronomico”, raggiungibile all’indirizzo http://paper.li/gruppolocale.

L’edizione appena uscita, disponibile su http://paper.li/gruppolocale

Per gli interessati, dirò che il sistema è semplicissimo da configurare; in pratica basta autorizzare il sito ad accedere al proprio account Twitter, poi ci pensa lui ad estrarre le “notizie” che acquisisce dalla timeline propria e di quella delle persone che si seguono. L’effetto non è malvagio, a mio avviso… Comunque, giudicate voi!

Tenete presente che – come ogni quotidiano che si rispetti – si ha una sola edizione ogni 24 ore. L’unica differenza è che – almeno per ora – non lo trovate in edicola.. 😉

 

/ 5
Grazie per aver votato!

 198 letture su Stardust

Il catalogo è questo…

O meglio, dovremmo dire “la lista è questa”, forse sarebbe più opportuno in questo caso – anche se perdiamo la citazione mozartiana 😉
La lista cui si fa riferimento è quella costruita tramite il nostro account Twitter “gemello”, raggiungibile all’indirizzo http://twitter.com/gruppolocale.

Sfruttando la possibilità, abbastanza recente, di creare “liste” di utenti Twitter da poter tenere d’occhio, abbiamo idi recente naugurato una lista “astronomia” per il nostro account, ed iniziato ad inserire degli “utenti” dei quali monitorare gli aggiornamenti – chiaramente scelti tra quelli di interesse squisitamente astronomico (e ce ne sono tantissimi su Twitter, come molti sanno, anche perché più volte abbiamo avuto occasione di parlare di questa famosa piattaforma di microblog). La nostra lista si può seguire alla pagina http://twitter.com/gruppolocale/astronomia. Naturalmente gli iscritti a Twitter possono facilmente “iscriversi” alla lista stessa, ricevendo così aggiornamenti nella loro timeline. L’iscrizione è comunque semplicissima e ovviamente gratuita; se trovate comoda l’idea della lista, è una possibilità da prendere in considerazione.

la pagina della nostra lista di astronomia, su Twitter:
gli iscritti sono solo due, ma speriamo in una rapida “inflazione” del numero 😉

Al momento la lista comprende un certo numero di siti in lingua inglese ma molto rappresentativi (tipo la NASA), e qualche sito di lingua italiana (come il nuovo account Twitter di mediainaf). In futuro vorrei cercare di enfatizzare la percentuale di siti in lingua italiana : visto infatti di liste di astronomia in lingua inglese ve ne sono moltissime (a titolo di esempio, la NASA, al momento in cui scrivo, risulta presente in 15.773 liste!), ritengo non sarebbe male “specializzarci” verso l’italico linguaggio..

Se avete voglia, fateci sapere cosa pensate della lista. Vi pare uno strumento utile, oppure le occasioni di aggiornamenti sono già tante anche senza di questa? Aspettiamo i vostri commenti 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

 722 letture su Stardust,  2 oggi

Page 1 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén