Blog di Marco Castellani

Giorno: 30 Marzo 2011

Perché Facebook vince (e taglia la varietà)

Leggevo qualche tempo fa, non ricordo dove, del fatto che gli utenti di internet dell’epoca attuale (dico così, in Internet ogni qualche anno è già una epoca diversa) privilegiando in massa gli stessi pochi siti, come Facebook, hanno decretato la sconfitta della varietà e della possibilità di scelta caratteristica della rete di qualche tempo fa, perdendo con il loro stesso comportamento un “valore”, al quale evidentemente si mostrano insensibili.
Cioè, non é che fosse detto proprio così. Però il senso, insomma, dovrebbe essere questo.
Personalmente ho sempre avvertito la confluenza di molti utenti su uno stesso servizio come una cosa sostanzialmente positiva, perché permette di interagire con un gran numero di persone, possibilmente conosciute anche nella vita “reale”, senza fare surf tra diversi servizi tra loro – tipicamente – impermeabili.
Se in Facebook riesco ad interagire allo stesso tempo con la mia insegnante di Pilates e con i miei colleghi astrofisici (privilegiando istintivamente la prima opportunità, tipicamente extralavorativa), la comodità è percepibile in maniera immediata.
L’impermeabilità dei diversi servizi, ecco il punto. Tutti confluiscono su uno, per una sorta di aggregazione gravitazionale. Forse perché manca un protocollo comune per il social network (non dico che sia possibile, forse non lo è). I protocolli comuni sono assolutamente vincenti. Pensate alle semplici email, i messaggi di posta elettronica. Pensate a che cosa pazzesca, se gli utenti di Gmail non potessero mandare messaggi di posta elettronica agli utenti di Yahoo! Mail, oppure agli utenti (sì, ci sono…) di Hotmail. Ognuno chiuso nella sua scatola. Gli istituti scientifici che parlano solo tra di loro, anche. Che scomodità!
Meno male che c’è un protocollo email universale. Possiamo usare qualsiasi servizio e tutti si parlano tra di loro.
Non è lo stesso per le chat, per i social network. Allora, in breve, la cosa è questa. Perché sia veramente comodo, per interagire con il massimo numero di persone, non c’è da auspicare che tutti cadano dentro lo stesso. Posto che sia abbastanza flessibile (e Facebook – piaccia o non piaccia – lo è certamente) per garantire una certa elasticità e una gamma di interazioni vasta, e il gioco è fatto.

Non è datto che vinca il migliore. Ma uno vince. E finché sono impermeabili, non è strano che a vincere sia solo uno. E’ la convenienza di tutti, in fondo. Perdiamo in varietà, in ricchezza di ecosistema informatico. Ma tant’è. I fatti anche pre-informatici lo dimostrano. Il VHS ha vinto e il Betamax, forse migliore, e le altre alternative, sono rapidamente scomparse. Ancora, non abbiamo avuto cento sistemi di musica digitale. C’era solo il CD, con i suoi pregi e i suoi limiti (di supporto fisico, di campionamento musicale).
Il vincitore è (uno) solo.
/ 5
Grazie per aver votato!

 486 letture su Stardust

Molecole dell’atmosfera terrestre rilevate dalla sonda Venus Express

Crediti: ESA/VIRTIS/INAF-IASF/Obs. de Paris-LESIA (Earth views: Solar System Simulator JPL-NASA).

 

Questo mosaico di immagini mostra le firme del metano (CH4), del biossido di carbonio (o anidride carbonica CO2), dell’ozono (O3) e del protossido di azoto (N2O), specie minori dell’atmosfera terrestre ma potenti gas serra, rilevate dal Visual and Infrared Thermal Imaging Spectrometer (VIRTIS) a bordo della sonda Venus Express dell’ESA alle lunghezze d’onda infrarosse, mentre la sonda era puntata in direzione della Terra nella sua orbita intorno al pianeta Venere.

Le firme spettrali di queste molecole, o impronte digitali chimiche, sono indicate per due sessioni di osservazione e sono tracciate dalle due curve visualizzate in due differenti colori. Durante le osservazioni la Terra mostrava a Venus Express la “faccia” simulata nell’immagine in alto. La luce rilevata da VIRTIS è l’emissione termica dalla superficie terrestre e, in parte, l’atmosfera.

Queste osservazioni sono rilevanti dato che dimostrano che un pianeta lontano, come potrebbe essere un pianeta extra-solare, può mostrare ad uno strumento come il VIRTIS la fima dei composti chimici che costituiscono l’atmosfera e la sua superficie.
VIRTIS ha ricavato questi spettri il 5 e il 6 agosto 2007. Durante queste osservazioni, la distanza di Venus Express dalla Terra era di circa 87 milioni di chilometri, mentre la sonda distava dal pianeta Venere circa 14 500 chilometri.

Fonte ESA: http://www.esa.int/esa-mmg/mmg.pl?b=b&type=I&mission=Venus%20Express&single=y&start=5&size=b

Sabrina

/ 5
Grazie per aver votato!

 566 letture su Stardust

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén