Ritornando su Blogger dopo avventure varie, da WordPress a Medium, è anche ritornare ad una casa semplice, affidabile, magari spartana in certe parti, comunque – mi rendo conto – adatta a questo tipo di blog, a questo piccolo notebook che trattiene impressioni e frammenti d’uso relativi alla tecnologia (e a come si sporca di umanità, in maniera per me sorprendente e rallegrante). 
Blogger è semplice, pulito, non devo aggiornare nulla, non devo mettere plugin o editare il codice, mettermi a norma per i cookie o cose simili. Per certe cose è veramente troppo semplice. Per altre è perfettamente la semplicità che si cerca: per questo modesto progetto, è proprio quella semplicità che serve. Scrivere, e basta. Lasciare ogni particolare tecnico (o almeno la maggior parte) dietro le spalle. Ci pensi pure Google. 
Tornare qui, è anche, però, avviare una fase in cui cercare di comprendere come rendere facile ed efficace l’interazione e lo scambio di idee. I commenti, nel gergo classico dei blog. Che fare? Se entrando su Medium era drasticamente semplice – se muovi un blog su Medium i commenti li perdi del tutto, non esiste che te li porti dietro – qui che c’è un po’ più di flessibilità, può sorgere la questione se appoggiarsi al sistema nativo di Blogger (un po’ elementare per dire la verità, però appunto nativo), oppure ricorrere ad un sistema esterno, come Disqus.
Ora, c’è di buono che – grazie al fatto che mi sono appoggiato a Disqus nel passato – ora i commenti che sono passati attraverso le varie fasi di hosting, su diverse piattaforme, si sono più o meno conservati (e man mano che riprendo i post da Medium dovrebbero ricomparire, bel belli). Per questo in questo momento sto continuando ad usare Disqus, essenzialmente.
E’ pur vero, come mi è stato giustamente fatto notare, che usare un sistema esterno aggiunge un layer di complessità in più, forse non del tutto giustificato a fronte dei vantaggi. Forse, anche, una cosa non idonea del tutto, proprio laddove si voglia invece ritornare ad una semplicità più possibile evidente e fruibile. 
Da un giro in rete, pullulano le argomentazioni pro e contro Disqus, rispetto ai sistemi nativi, e ovviamente anche a Facebook (come è logico, in rete pullula qualsiasi cosa). 
In generale, appoggiarsi ad un sistema esterno ha dei vantaggi (se distruggi il blog i commenti  restano) ma apre anche delle problematiche (ulteriore autenticazione, ulteriore raccolta dati). E’ anche se vogliamo qualcosa di più filosofico e concettuale, perché in fondo è la scelta tra un sistema che comprende tutto in un unico posto o un sistema che compone tutto in un unico posto (questa mi piace, non so se è una gran pensata, ma mi piace).
Come la mettiamo? 
Perché, che avete da commentare? 
E soprattutto, come volete commentare? 
/ 5
Grazie per aver votato!

 692 letture su Stardust,  2 oggi