Dietro a tante realizzazioni tecniche ci sono delle storie, e spesso sono proprio queste le cose più importanti. Quello che ci colpisce veramente è il “fattore umano”, quello che ci spinge a esplorare lo spazio o ammirare la complessità di un prodotto tecnologico, è sempre l’umano che scorgiamo dietro e dentro tutto questo.

Kei Watanabe e Kazuki Nakayashiki, fondatori di Glasp (un interessante servizio online di “condivisione della conoscenza” cui ho parlato in un recente articolo su questo blog e che uso quasi quotidianamente) mi hanno chiesto se fossi interessato a realizzare e pubblicare una versione italiana dell’intervista di uno di loro (Kazuki) realizzata originariamente per Ness Labs.

Dopo averla letta – proprio per l’emergere limpido del “fattore umano” che ricerco – ho deciso che valeva proprio la pena. Vi invito a leggerla (in originale o nella presente traduzione), anche se lunga: rivela come pochi altri documenti – credo – come dietro ogni tecnica e tecnologia realmente degna di interesse, vi sia sempre l’uomo, le sue passioni, le sue paure, le sue speranze. Soprattutto, il suo irriducibile desiderio di costruire qualcosa che rimane.


Benvenuti a questa edizione della nostra serie Tools for Thought, in cui intervistiamo fondatori che hanno la missione di aiutarci a pensare meglio e a realizzare le loro ambizioni intellettuali e creative. Kazuki Nakayashiki è il cofondatore di Glasp, un social web clipper che consente agli utenti di condividere le proprie sottolineature e note mentre leggono, senza dover passare dal web a un’app per prendere appunti.

In questa intervista abbiamo parlato della natura dell’eredità umana, del problema dell’isolamento della conoscenza, della ripetizione dilazionata, della gestione sociale della conoscenza e dell’intelligenza collettiva, dell’apprendimento in pubblico, dell’impatto della responsabilità sociale sulla acquisizione di appunti e altro ancora. Buona lettura!

Ciao Kazuki, grazie mille per aver accettato questa intervista. Glasp è l’acronimo di “Greatest Legacy Accumulated as Shared Proof” (la più grande eredità accumulata come risorsa condivisa): puoi dirci qualcosa di più sul suo significato?

Grazie mille per avermi invitato. Sono un grande fan dei Ness Labs e sono onorato di essere qui oggi. Innanzitutto, crediamo che una delle attività più nobili sia quella di imparare, sperimentare e trasmettere le proprie conoscenze alle generazioni future. Il presente in cui ci troviamo oggi si fonda su ciò che i nostri predecessori hanno costruito in passato.

Quando si parla di eredità, non si intende necessariamente lasciare un’attività di successo o un sacco di soldi. Certo, è meraviglioso poter lasciare queste cose alle generazioni future, ma non credo che queste siano le eredità più grandi, perché non tutti possono lasciarle.

Credo invece che la più grande eredità sia quella di vivere una vita coraggiosa. È nell’atteggiamento di non farsi scoraggiare dalle difficoltà, di non essere eccessivamente pessimisti e di scommettere sulle possibilità e sulle speranze dell’umanità. E credo che questo significhi consegnare e comporre la nostra conoscenza, la nostra saggezza e la nostra storia per la prossima generazione.

Tuttavia, anche se ci troviamo sulle spalle dei nostri predecessori, non sappiamo come e da chi sia stata accumulata tutta quella conoscenza. Attraverso Glasp, vogliamo mettere le persone in condizione di consegnare, condividere e comporre la più grande eredità possibile. La nostra missione è democratizzare l’accesso all’apprendimento e alle esperienze che le persone hanno raccolto nel corso della loro vita. Così facendo, potremmo essere in grado di aiutare altri che potrebbero tentare di seguire un percorso simile in futuro. 

È una missione ambiziosa. C’è stato un momento “aha” che l’ha ispirata a costruire Glasp?

Ho avuto un’esperienza di quasi morte all’età di 20 anni, quando ho avuto un improvviso ematoma subdurale che mi ha paralizzato il lato sinistro del corpo. Il mio medico di allora mi disse che avrei potuto avere un arresto cardiopolmonare da un momento all’altro, e fui ricoverato in ospedale e sottoposto a un intervento chirurgico d’urgenza. Ricordo il senso di paura e di vuoto che affiorava dal profondo del mio corpo, che le parole non possono esprimere, mentre mi confrontavo con la realtà che la normalità di ieri mi era stata improvvisamente tolta e che la mia esistenza avrebbe potuto scomparire improvvisamente da questo mondo.

Da quel momento ho voluto lasciare un’eredità che mi permettesse di sentire di aver dato anche solo un piccolo contributo al futuro dell’umanità, un’eredità che fosse la prova ed il senso della mia esistenza in questo mondo.

Non so se ciò che lascio sia davvero utile a qualcuno. È una valutazione soggettiva. Tuttavia, proprio come gli scarti di qualcuno rappresentano un tesoro per qualcun altro, credo che consegnare il mio percorso di apprendimento e le mie esperienze possa diventare utile a qualcuno in futuro.

Se si consegna la propria conoscenza, saggezza e intuizione ad uno spazio completamente personale, nessuno potrà accedervi dopo la propria morte. Dato che l’apprendimento collettivo ha reso noi esseri umani più intelligenti attraverso le generazioni, penso che mantenere la conoscenza in un nascondiglio sia un’enorme perdita per l’umanità nel suo complesso. In altre parole, il problema che stiamo affrontando è l’isolamento della conoscenza.

Il mondo è pieno di innumerevoli e meravigliose applicazioni personali, ma la mia esperienza di quasi morte e il processo di ricerca del significato della vita mi hanno portato all’idea attuale di Glasp.

È incredibilmente stimolante, grazie per aver condiviso la storia delle origini di Glasp. Come funziona Glasp esattamente?

Glasp è un social web clipper che le persone possono usare per evidenziare e organizzare citazioni e pensieri dal web senza dover passare da una schermata all’altra e accedere allo stesso tempo all’apprendimento di altre persone che la pensano allo stesso modo. Potete farvi un’idea di cosa sia Glasp guardando quello che dicono i nostri utenti sul “Wall of Love” del sito.

Dopo aver suddiviso la nostra missione in componenti specifiche, abbiamo deciso di concentrarci sulla sovrapposizione tra curatela, gestione della conoscenza e comunità. Alcuni dei consigli che ho ricevuto di recente da Jeremy Brown su Twitter si sovrappongono a queste componenti, così come alle idee di Michael Simmons sull’annotazione pubblica e sull’apprendimento in pubblico.

Per quanto riguarda la curatela, attualmente offriamo un’estensione per Chrome e un’estensione per Safari che, una volta installate, visualizzano un piccolo popup simile all’evidenziatore del Kindle quando si seleziona un testo, e consentono di selezionare il testo che ci ha colpito. Questo permette di evidenziare e prendere appunti senza interrompere l’esperienza di lettura.

Quando si legge un particolare articolo, tutte le evidenziazioni e gli appunti relativi a quell’articolo possono essere visualizzati dalla barra laterale destra e possono essere facilmente copiati e incollati in applicazioni per prendere appunti, in stile markdown. È inoltre possibile aggiungere tag e commenti e vedere ciò che altri hanno evidenziato in quel sito web direttamente sulla pagina.

In termini di gestione della conoscenza, come potete vedere nella mia pagina, Glasp organizza i vostri punti salienti e le vostre note e vi permette di filtrare per argomento o di effettuare una ricerca su tutto il testo, in modo da poter accedere facilmente a citazioni, pensieri, idee e approfondimenti che avete trovato importanti in passato. La natura sociale di Glasp vi permette anche di accedere ai punti salienti e alle note di altre persone sulla vostra pagina (chiamati “marginalia”), in modo da poter sfruttare le prospettive degli altri e approfondire le vostre conoscenze. In futuro, abbiamo in programma di aggiungere una funzione che vi permetterà di collegare le vostre scoperte con i punti salienti memorizzati nel passato, propri o di altri.

Credo inoltre che l’unicità e il divertimento dell’approccio di Glasp alla gestione della conoscenza risiedano nella capacità di far riemergere ciò che si è appreso. La ripetizione distanziata è uno dei metodi più collaudati per ricordare ciò che si è letto, ma la triste realtà è che rivedere le flashcard è noioso e impostare il sistema è macchinoso. Con Glasp, gli altri interagiscono con i vostri punti salienti, offrendo così opportunità di ripasso casuali e automatiche. La particolarità è che gli altri curatori fanno riemergere i vostri punti salienti e ritengo interessante che i curatori facciano riemergere il lavoro del creatore.

Per quanto riguarda la comunità, Glasp permette di connettersi e di imparare da altre persone con interessi simili attraverso il prodotto secondario dell’apprendimento: le evidenziature e le note. Il feed iniziale di Glasp consente di vedere cosa stanno imparando le persone che si seguono e quali spunti hanno acquisito. È anche possibile cercare i contenuti per argomento, in modo da vedere cosa stanno imparando amici, colleghi, influencer e altre persone di cui ci si fida o che condividono interessi simili.

È possibile controllare i punti salienti di ogni sito e trovare anche i propri autori preferiti. In particolare, gli autori di newsletter o di contenuti possono condividere con Glasp il loro processo di apprendimento (chiamato “apprendimento in pubblico”). Il coinvolgimento profondo e il feedback diretto del pubblico e dei follower possono essere un ottimo modo per ottenere idee e ispirazione per i loro contenuti futuri.

Avere partner di apprendimento è molto stimolante e divertente. Glasp può migliorare il processo di apprendimento rendendo il processo di apprendimento sociale. Per esempio, stiamo collaborando con il programma di coorte di apprendimento Month to Master, gestito da Michael Simmons, per aiutare gli studenti a intrecciare e condividere ciò che hanno imparato.

Quando si parla di segnalibri e di evidenziazione, una grande sfida è che molte persone finiscono per creare un cimitero di link casuali da cui non imparano mai nulla. In che modo Glasp affronta questa sfida?

Come dice lei, troppo spesso vediamo che il problema del salvataggio di link casuali porta a questa disfunzione, e credo che questo sia un problema che non si limita al bookmarking e all’evidenziazione, ma alla nostra società dell’informazione in generale.

Un aspetto importante è la differenza tra le applicazioni read-it-later e Glasp. Quando raccogliamo informazioni ci sono due processi di selezione delle informazioni. Uno è ampio e superficiale. L’altro è stretto e profondo.

La prima è un’area in cui le app “leggi e rimanda” dimostrano la loro forza, in quanto consentono di memorizzare una grande quantità di informazioni di un certo interesse, rilevanti o che potrebbero essere utili in futuro, al posto della memoria di lavoro a breve termine. Quest’ultima è un’area in cui Glasp e altre app evidenziatrici possono mostrare la loro forza come luogo in cui memorizzare informazioni importanti che hanno superato il processo di vaglio primario e che si desidera conservare per un periodo più lungo.

Se il numero di elementi da archiviare è enorme e la loro qualità non viene controllata, sarà difficile mantenerli, organizzarli e gestirli, e molto probabilmente si trasformerà in un cimitero di link casuali. Fortunatamente, l’azione principale dell’utente di Glasp non è il bookmarking, ma l’atto di evidenziare e lasciare note, quindi la soglia di azione per l’utente non è così leggera come per le app di bookmarking o di read-it-later.

Inoltre, la possibilità che le evidenziazioni e le note vengano viste da altri crea una responsabilità sociale, per cui la soglia di azione per l’utente si alza ulteriormente. Quando si sente la parola “evidenziare”, probabilmente la si associa all’istruzione. Chi ha familiarità con l’istruzione sa che la ricerca dimostra che l’evidenziazione non è una tecnica di apprendimento molto efficace. Tuttavia, la ricerca suggerisce anche che la probabilità di un’evidenziazione efficace aumenta quando sono previsti, in forma moderata, incentivi e stimoli.

In altre parole, l’idea che qualcuno possa vedere le vostre evidenziazioni funziona come una funzione di responsabilità sociale, che può aumentare la probabilità di salvare qualcosa di migliore e più prezioso per voi. Sebbene alcuni possano sostenere che il volume dell’eredità digitale di una persona possa essere ridotto da questo approccio, noi diamo più valore all’intuizione, all’idea, all’emozione e alla connessione con un particolare passaggio all’interno del contenuto, piuttosto che al semplice atto di apprezzare o salvare un link.

La vera forza dell’evidenziazione digitale non risiede nell’atto di evidenziare il testo in sé, ma nella capacità di ricercarlo e accedervi in seguito e di trovare connessioni al suo interno attraverso backlink e altri mezzi.Considerato che la conoscenza riguarda le entità e le loro relazioni, resta da vedere quanto valore abbia l’osservazione del numero di “punti” non collegati, come il numero di parole e concetti sconosciuti che gli esaminandi hanno memorizzato, spesso utilizzati nella ricerca. C’è ancora spazio per il dibattito e non sono sicuro che si possa concludere che l’effetto di apprendimento dell’evidenziazione sia così debole.

In sostanza, stiamo sfidando il problema della scomparsa o dell’isolamento della conoscenza attraverso l’alta soglia di azione fondamentale di Glasp, la responsabilità sociale derivante dalle evidenziazioni pubbliche e la visualizzazione del contributo dell’eredità digitale di una persona alla società umana utilizzando strumenti di azione simili a GitHub.

E questa è la vostra visione di costruire un’eredità digitale.

Sì. Come ho detto prima. Come ho detto prima, pensiamo che sia molto nobile per le persone imparare, fare esperienza e trasmetterla alle generazioni future. Da questo punto di vista, crediamo che organizzare sistematicamente e rendere accessibile ciò che una persona ha imparato e le conoscenze che ha costruito nel corso della sua vita sia l’approccio più efficace per costruire la sua eredità digitale. Naturalmente, Glasp ha anche una funzione di follow-up e di salvataggio, ma si concentra sui grafici di interesse e sulla persistenza basata sulla costruzione della conoscenza.

Anche nei social media tradizionali, una sorta di eredità digitale può essere costruita passivamente attraverso le attività di una persona, ed è bello che le persone possano facilmente lasciare i loro interessi mettendo “mi piace” a qualcosa. D’altra parte, questi social media, a causa della loro natura effimera e delle connessioni basate sui grafici sociali, pongono ben poca enfasi sulla costruzione di una conoscenza duratura e transgenerazionale. Per esempio, se vi chiedo se conoscete qualche buona risorsa sui modelli mentali o sul modi di prendere appunti, anche se dipende dall’argomento, potreste pensare ad alcuni articoli, libri, podcast o video, ma credo che non molti penserebbero alle discussioni su Twitter o ai post su LinkedIn che vi sono piaciuti in passato.

Come dice l’effetto Lindy, ciò che è veramente prezioso tende a persistere per lunghi periodi e, a questo proposito, credo che il metodo tradizionale di far fluire le informazioni in modo effimero non sia adatto a costruire un’eredità digitale in termini di costruzione e fioritura della conoscenza. Noi di Glasp speriamo di creare una piattaforma che permetta alla prossima generazione di costruire e accedere alla conoscenza in base agli argomenti e agli interessi, indipendentemente dal tempo.

Molti lavoratori nel campo della conoscenza utilizzano già uno strumento per prendere appunti. Come si integra Glasp con altri strumenti di riflessione?

Non stiamo cercando di sostituire o rendere inutili le applicazioni per prendere appunti. Apprezziamo molto l’esistenza di queste ottime app. Speriamo piuttosto che Glasp le integri. Per esempio, la funzionalità di copia e incolla supportata da markdown di Glasp consente di esportare in un’applicazione per prendere appunti solo le parti importanti di un documento, come i punti salienti e le note, anziché il testo completo.

Inoltre, poiché raccoglie metadati come il titolo e l’URL dell’articolo, è possibile lasciare su Glasp i prodotti dell’apprendimento, come i punti salienti e le note, come eredità per le generazioni future, senza interrompere il flusso esistente dell’applicazione per prendere appunti. In questo modo, potete potenzialmente contribuire alla storia della conoscenza umana senza cambiare il vostro flusso di lavoro!

Sembra meraviglioso! Può parlarci di come prendete le decisioni sul design dei prodotti?

Tutte le decisioni relative ai prodotti, compreso il design, si basano sulla loro conformità alla missione. La nostra missione è sempre la nostra stella polare. In termini di feedback, contattiamo regolarmente i nostri utenti (assolutamente vero ed è capitato anche con me, NdT) per raccogliere i loro commenti e suggerimenti. A volte chiediamo di poterli chiamare, altre volte sono loro stessi a programmare una chiamata attraverso il pulsante “Talk to Founders” dell’applicazione web.

Una volta facevamo chiamate di onboarding con tutti gli utenti che si iscrivevano. Ora siamo un team di tre persone e, a causa delle risorse limitate, non siamo in grado di implementare tutte le idee, ma conserviamo tutti i feedback ricevuti in un backlog. Spesso traiamo ispirazione da questo backlog.

Mi ispiro anche a GitHub, Wikipedia, Pinterest, Twitter, Goodreads, Kindle e ad altre applicazioni che ritengo affini per missione, direzione o area. Sebbene io progetti la maggior parte dell’interfaccia utente, non sono un esperto di design, quindi alcuni aspetti del mio design potrebbero sembrare incoerenti. Se qualcuno ha qualche buona idea, mi piacerebbe prenderla in considerazione.

Che tipo di persone usano Glasp?

Gli utenti principali sono lettori accaniti, annotatori attivi, scrittori e studenti a tempo indeterminato, che tendono a lavorare sodo e a studiare e a conservare ciò che hanno imparato su argomenti specifici di interesse personale, come l’annotazione, la psicologia, la gestione dei prodotti, l’innovazione e così via.

Mi sembra che i contenuti di qualità provengano da molti luoghi diversi di Internet, da domini noti come Wikipedia e Ness Labs a domini di cui non ho mai sentito parlare. Attualmente conta oltre 150.000 punti salienti (“eredità digitali”) su oltre 20.000 link unici. Diversi utenti ci hanno ringraziato per i contenuti interessanti e stimolanti che hanno trovato utilizzando Glasp e che non avrebbero mai incontrato prima.

Altri casi d’uso interessanti sono quelli di persone come Ev Chapman e Michael Simmons che gestiscono newsletter e blog. È interessante vedere come i creatori di contenuti e il loro pubblico imparino l’uno dall’altro e si accumulino gli highlights (ad esempio, quando qualcuno si impone all’attenzione attraverso gli highlights delle persone che lo seguono). La natura sociale di Glasp è il punto di partenza per chi scrive contenuti per connettersi direttamente con il proprio pubblico, ricevere feedback e trarre ispirazione per i post futuri, e credo che questo sia un aspetto interessante di Glasp.

E voi… come utilizzate personalmente Glasp?

I miei campi di interesse recenti includono la psicologia, le tecniche di annotazione, l’apprendimento in pubblico. Quando mi imbatto in contenuti su questi argomenti, prima li sfoglio e se trovo un passaggio particolare che mi colpisce o che voglio conservare per riferimenti futuri, lo sottolineo o lascio una nota. Poi, nella seconda lettura, se penso che “questo mi ricorda un concetto citato in un altro articolo” per una particolare frase, lascio una nota con un link correlato o un’evidenziazione passata. Poi, lo taggo e a volte lascio un riassunto per me o per i lettori futuri.

Se sono curioso di sapere che cosa hanno pensato e imparato gli altri dal contenuto che ho evidenziato o che ho trovato interessante, vado alla “pagina di comunità” di Glasp per trovare approfondimenti su quel contenuto. È affascinante vedere come persone diverse sentono e pensano lo stesso contenuto. Più punti di vista ottengo, più profonda diventa la mia comprensione dell’argomento.

Inoltre, grazie all’elevata soglia di azione in Glasp, lascio ciò che ritengo davvero buono, quindi quando voglio fare una ricerca su qualcosa, la cerco prima sulla mia pagina in Glasp. Più tempo spendo, più informazioni raccolgo su un determinato argomento, il che è utile perché ogni volta che faccio una ricerca, scopro nuovi collegamenti e ho accesso immediato a informazioni importanti. 

Posso anche condividere i miei punti salienti e le note relative a un particolare argomento tramite un URL unico, così quando un amico o un collega mi chiede qualcosa, condivido il link con lui in modo che possa accedere ai contenuti che ritengo importanti. Naturalmente, posso anche cercare nelle pagine di altri utenti. È interessante sbirciare cosa gli altri stanno imparando e cosa trovano importante, perché mi sembra di guardare nel loro cervello accedendo alla loro eredità digitale.

Al momento, due volte alla settimana inviamo ai nostri utenti la Newsletter settimanale di Glasp con tre buoni articoli letti quella settimana. Con Glasp, i punti salienti e le note su ciò che ho imparato sono tutti in un unico posto, quindi è molto facile per me creare una newsletter. In pratica, è sufficiente copiare e incollare i punti salienti, le note o i commenti nel corpo della newsletter.

Pertanto, se siete autori di newsletter o di contenuti e condividete regolarmente gli articoli che leggete con il vostro pubblico, sarà più facile per voi creare una newsletter e potrete perfino condividere l’ispirazione e il processo di apprendimento che ha portato alla sua creazione.

C’è ancora molto da fare per migliorare il modo in cui impariamo insieme e aumentare la nostra intelligenza collettiva. Dove vorreste che fosse Glasp nei prossimi anni?

Vogliamo trascorrere la nostra vita lavorando alla missione di Glasp. Ci vorrà molto tempo e ci sono ancora molti ostacoli da superare. Per lasciare un’eredità digitale alle generazioni future, pensiamo che sia necessario un sistema che permetta di conservare i dati a lungo termine, in modo sicuro e facilmente accessibile.

Forse sarà necessaria una tecnologia decentralizzata come la blockchain o qualcosa di equivalente. Oppure inciderli su una lastra di pietra potrebbe funzionare come backup. Il team sta ancora discutendo della sostenibilità e della permanenza a lungo termine in quest’area, ma speriamo di trovare un modo per fare breccia nel tempo.

Confidiamo che nei prossimi anni saremo un passo più vicini a diventare un altro profilo sociale che mostra il vostro specifico contributo nell’apprendimento e come un motore di ricerca di nuova generazione che vi permette di cercare nell’eredità digitale lasciata dalle persone di cui vi fidate o che seguite.

Credo anche che se riusciamo a visualizzare, come un albero genealogico, da dove le persone ottengono le loro informazioni e come e a chi è stato trasmesso ciò che hanno imparato, saremo in grado di visualizzare il loro specifico contributo alla società umana.

Sarebbe molto commovente poter vedere come ciò che i propri nonni e bisnonni hanno lasciato è stato trasmesso a se stessi e alla società nel corso delle generazioni, e sarebbe interessante vedere come ciò che si lascia viene trasmesso ai propri nipoti e pronipoti. Non c’è niente che mi renderebbe più felice che vedere anche solo un piccolo aumento del numero di persone che trovano un senso e un valore nella loro vita grazie a Glasp.

È una missione bellissima. Grazie mille per il tuo tempo, Kazuki! Dove si può conoscere meglio Glasp e provarlo?

Grazie mille per avermi ospitato! Potete visitare Glasp sul web all’indirizzo glasp.co. Abbiamo un’estensione per Chrome e un’estensione per Safari. È completamente gratuito. Inoltre, siamo attivi sui social media (Twitter, Linkedin) e cerchiamo di mantenere la nostra comunità al corrente di ogni aggiornamento. Sono davvero entusiasta di ascoltare il feedback della comunità di Ness Labs attraverso Glasp!

/ 5
Grazie per aver votato!

 612 letture su Stardust,  2 oggi