In fin dei conti il problema è questo, soprattutto. Che ci siamo progressivamente affrancati dai ritmi della terra, delle stagioni, del cosmo. Fino a costruirci una vita sintetica e appunto, artificiale, con delle scansioni temporali che sono fuori dal mondo, che ci straniscono e ci affaticano. Perché noi siamo nel mondo, siamo fatti di stelle, intrecciati di materia universale. I cicli del cosmo sono i cicli del nostro corpo, il ciclo stesso della fertilità femminile è in suggestivo accordo con il ciclo di rivoluzione della Luna attorno al nostro pianeta.

Ecco perché capisco bene quanto scrive il musicista Peter Gabriel nelle note che accompagnano l’uscita del brano Panopticom, primo dell’album i/o di prossima pubblicazione (traduco di seguito, in modo libero).

Alcuni brani di quelli di cui sto scrivendo per questa occasione, ruotano intorno all’idea che sembriamo incredibilmente capaci di distruggere il pianeta che ci ha dato alla luce e che se non troviamo il modo di riconnetterci alla natura e al mondo naturale perderemo moltissimo. Un modo semplice di realizzare una maggiore adesione a tutto questo è è guardare il cielo… ed osservare la Luna mi ha sempre portato qui.

Saranno infatti le fasi lunari anche a dare il ritmo alle uscite dei brani di questo nuovo attesissimo album, da parte di un musicista che insieme ai Genesis ha davvero scritto la storia del rock progressivo, per poi intraprendere una carriera solista caratterizzata da una grande originalità espressiva. Nello specifico, verrà resa pubblica una nuova canzone ad ogni plenilunio. Abbiamo già iniziato, appunto, con la canzone Panopticom, che è stata svelata in occasione della luna piena del giorno 6 gennaio 2023.

Per gli affezionati, un motivo ulteriore per attendere quei giorni in cui la Luna è massimamante presente – quasi invadente – nel nostro cielo. Per me astrofisico, estimatore dell’arte di Peter, un espediente che collega efficaciemente due miei universi affettivi, musica ed astronomia.

Per tutti, forse, un invito gentile a riaprirsi ai ritmi del cosmo, alle scansioni che hanno sempre regolato la vita dell’uomo e degli animali. Più suggestive, mitiche e riccamente simboliche di tanta vita asciutta e frettolosa regolata dall’imperativo dell’efficienza 24/7, dalla divinità al neon (come cantavano Simon & Garfunkel già nei Sessanta del secolo scorso) che ci siamo creati.

Tornare al ritmo della Terra, della Luna, del cosmo, mi sembra un atto di felice e pacifica insurrezione contro un sistema positivista e commerciale che in fondo ci vorrebbe schiavi del consumo, un possibile inizio di un cammino di libertà. In fondo la Luna porta con sé anche un significato politico e sociale. E a pensarci bene, non può che essere così.

Loading


Scopri di più da Stardust

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.