Blog di Marco Castellani

Categoria: Testi Page 2 of 3

Lavori di Marco Castellani

Venti passi

Lorenzo è sulla soglia di una scoperta straordinaria, una scoperta che promette di rivoluzionare l’astronomia per gli anni a venire. Unendo il quadro cosmologico consolidato con le più recenti  acquisizioni delle geometrie non euclidee, scopre una connessione feconda che può portare ad un risultato senza precedenti. Tuttavia non viene compreso dal suo ambiente scientifico ed anzi deve lottare con il suo superiore che vorrebbe destinarlo ad altre ricerche.


Vive questo particolare momento della sua storia professionale mentre si trova nel mezzo di una crisi matrimoniale, che sta raggiungendo forse il punto di rottura. Potrebbe compiere un balzo avanti straordinario sul piano conoscitivo, se solo trovasse il modo di poter verificare la sua intuizione. Nel contempo, sta rischiando un annichilimento completo sul piano affettivo. Le due problematiche risulteranno assai più legate di quanto lo stesso Lorenzo avrebbe potuto supporre. 

È un cambio di atteggiamento verso il reale, una maggiore compromissione con la vita, che permetterà ad entrambe le situazioni di raggiungere uno sbocco inaspettato, di fluire verso un compimento reso in precedenza impossibile o comunque difficile da una attitudine troppo intellettuale. Una maggiore immersione nel flusso della vita porterà a Lorenzo un rifiorire di inattesa fecondità.


Il racconto Venti passi rappresenta il mio contributo al Carnevale della Matematica #69 dal tema “Macchine matematiche antiche e moderne”.

 128 letture su Stardust,  2 oggi

(Mia) piccola fragilità

La mia piccola fragilità
che diventa una barca

e tu più non fuggi
ma sali ed insieme

partiamo.

Da “Anni diVersi” (Lulu, 2009)
Disegno di Davide Calandrini (diritti riservati)

 123 letture su Stardust,  4 oggi

Risposta alla paura

La risposta alla paura
– l’unica vera risposta –
è un cammino.

Una strada bella
faticosa ed aspra

che porta a casa.


Da Per prima è l’attesa (Ilmiolibro, 2011)
Fotografia dell’Autore

 138 letture su Stardust,  2 oggi

Daniela nella pioggia

Daniela aveva questo, nel cuore. Voleva smettere di rimanere nella pioggia, voleva essere amata. Davvero. Quasi due anni ormai che lei restava nella pioggia. Alla sua amica del cuore, Amanda, lo diceva così. Quando lei le chiedeva, arrivata in ufficio, “come stai”, lei rispondeva in questo modo. Ormai era uno standard, una consuetudine tra loro, come un gioco.

“Come stai?”
“Sono nella pioggia”
E poi magari sorrideva. Perché Daniela aveva un sorriso contagioso e non le importava troppo di nasconderlo, sorrideva anche quando era nella pioggia…

Il racconto può essere anche scaricato in formato PDF o epub.

 115 letture su Stardust,  2 oggi

Laura

Passeggiavamo nel viale alberato. Lei non piangeva più, anche se il suo volto era ancora segnato dalle righe sottili delle lacrime versate.
“Non è vero, non è più così. Lo sai. Ora, lo sai” , disse Laura.
Non risposi. Assorbivo l’aria, le sensazioni. Il suono dei miei passi. Aspettavo di appoggiarmi su un terreno più semplice, ricercavo un piano di stabilità interiore più definito.
Erano ancora raggi serpeggianti di tensione sul suo viso, ad apparire. Velocemente poi si diradavano. Osservavo, preferivo aspettare.
Osservavo, preferivo aspettare… 
Non so. Non so dirti, Laura. Lo dissi o lo pensai, non ricordo. Lo sentivo.
“E’ una cosa passata. Lo sai”, disse lei di nuovo.
C’era una barriera che non cadeva, un qualcosa che non si schiudeva. Camminavamo, in silenzio. Non ero preoccupato: c’era solo da attendere. Non si poteva forzare, non si poteva forzare nulla.
Le cose grandi e le cose piccole si mischiavano. I moti dell’animo erano importanti, come gli alberi maestosi sotto i quali camminavamo. Il microcosmo delle sensazioni variava in alta frequenza ad ogni nostro passo.
Lei fece il passo più coraggioso. E la situazione si appoggiò nel suo punto di stabilità, nello stesso istante. Si fermò, appoggiò il viso sul mio petto. Respiravo il profumo dei suoi capelli biondi.
“Il resto non conta nulla. Io ti voglio bene. Io ti amo”, mi disse guardandomi.
Niente, nessuno, era più femminile di Laura, in quel momento. In quel brevissimo fondamentale momento, nel lungo viale alberato.
E io ero a casa. Finalmente.

Racconto del 2011, pubblicato su web.

 106 letture su Stardust

Stato fondamentale

Follia inutile è il cercare
di non migrare non
decadere sullo

stato fondamentale.

Quale senso nel restare
aggrappato
al margine incerto di un proposito se è
uno sforzo quando è solo
uno sforzo,

come appena può piegare
la linea magnetica del campo,
se tutto non è una pace.

Poi chini sorprendersi a mormorare
nell’ombra segreta del chiostro con
strana dolce fiducia d’acqua pietà di me
peccatore…

Da “In pieno volo” (Ilmiolibro, 2014)

Disegno di Davide Calandrini (diritti riservati)

 110 letture su Stardust

Darsi Pace

Ogni giorno è sempre il
primo giorno,
di questo lavoro ed è tutto

ancora nuovo e non importa
non ci importa affatto
quante volte cadi se una
o dieci cento mille (che di questo
nulla rimane, sai) ma

soltanto resta l’adesione a questo
lavoro cordiale
(da sempre, in tua attesa)
piacevole ed impegnativo
che può far la vita bella.

Di nuovo, bella.

Da “Imparare a guarire” (Di Felice Edizioni, 2018). Disegno di Davide Calandrini (diritti riservati)

 135 letture su Stardust

In pieno volo

Così dicevi nel giardino spazzato dal sole
prima di andare, forte e lieve della
tua più fonda età.

Salutandomi ricordavi
mi raccomando non smettere
non smettere di scrivere.

Non smettere. Parole che rimanevano appese.
Appiccicate dentro, arrese.
Acciottolate strette

restano, tuttora.

Non smettere.


Da “In pieno volo” (Ilmiolibro, 2014)


 457 letture su Stardust,  8 oggi

Page 2 of 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén