Blog di Marco Castellani

Giorno: 9 Settembre 2010

Perchè Ping non mi entusiasma…

Una certa enfasi ha accompagnato il recente rilascio di iTunes 10, anche per la contestuale introduzione da parte di Apple dei nuovi aspetto “sociali” legati alla musica, con il “quasi social network” chiamato Ping. L’ho provato per un paio di giorni, e benchè abbia degli aspetti interessanti, non posso dirmi esattamente esaltato. E’ certamente molto simpatico poter segnalare con un “mi piace” agli amici un album o un brano da iTunes. Tuttavia vi sono limitazioni anche abbastanza pesanti, perlopiù strutturali.

Proprio per queste ultime, Ping non è assolutamente definibile come un social network, e nemmeno vi si avvicina. Se da una parte infatti è simpatico poter dire “mi piace” quando si sfogliano gli album nello store di iTunes, questo ovviamente non è tutto.

Sì, perchè Ping è zoppo. Me ne sono accorto quando, ascoltando con iTunes 10 un album, legittimamente acquistato su emusic.com (scusa, Steve…), mi è istintivamente venuto il desiderio di dare un “like” da inviare al mio flusso Ping. Ebbene, per quanto sia frustrante, non si può. Sarebbe bastato un bottoncino, magari che linkasse l’analogo album su iTunes Store (non posso pretendere altre sorgenti di riferimento, da iTunes), ma niente. Nisba, nada.

La morale, devi fare i like dentro iTunes Store. Sarei così dovuto entrare nello store, cercare l’album e (se trovato) cliccare sul bottoncino “mi piace”. Seccante, perchè l’aspetto promozionale così accentuato azzoppa in maniera vistosa le potenzialità dell’idea. Mi è passata la voglia.

Un’altra cosa che potrebbe dare fastidio a taluni (tanto per dire, a chi usa linux, o già anche un player diverso da iTunes) è che il tutto “vive” dentro il software stesso. Ping è solo dentro iTunes, non esiste nel web “normale”. Non c’è nemmeno una “mappatura” in una pagina web, di quello che accade su Ping.

Ora consentitemi, ma con tutti che gli si vuole bene, al magico Steve… ma se la Microsoft avesse fatto una cosa simile, non si sarebbero levati ampi e articolati cori di protesta contro il modello “chiuso”, stigmatizzando la sfacciata operazione promozionale che si nasconde dietro questa “spruzzatina” di social network?

Peccato, perchè Ping ha tante potenzialità. A cominciare dal fatto che puoi seguire i vari “big” della musica, essere informato sui concerti e sugli eventi, e così via. Ma non tutti vivono dentro iTunes. E il web ha fatto tanto per rimanere indipendente dalle piattaforme specifiche (la “guerra fredda” tra gli standard del consorzio W3C e le istruzioni “particolari” di Explorer, ad esempio. Ricordate i siti che – tristemente – si vedevano bene solo con IE ?); e ormai siamo troppo scafati per farci imbrigliare dentro una piattaforma o un sistema operativo. Siano pur ottimi (come lo è iTunes, che uso, ed anche Mac OS, che uso)…

/ 5
Grazie per aver votato!

 164 letture su Stardust

Uno sguardo al cielo

di Sabrina Masiero

Una spettacolare immagine della Via Lattea presa a Port Campbell National Park a Victoria in Australia. In primo piano si trova il Loch Ard Gorge, chiamato così dopo che una nave si arenò nel 1878. Le due rocce che si osservano nella foto sono i resti di un arco collassato, chiamati Tom ed Eva, in ricordo delle uniche due persone sopravvissute dopo l’affondamento della nave Loch Ard.

Credit & Copyright: Alex Cherney (Terrastro). Fonte: Astronomy Picture of the Day: http://apod.nasa.gov/apod/ap100823.html .

/ 5
Grazie per aver votato!

 164 letture su Stardust

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén